Le perle turistiche della Bergamasca

file_66
Grazie alle bottiglie San Pellegrino le perle turistiche delle Orobie arriveranno sulle tavole di 120 Paesi del mondo. Le note bottiglie di acqua minerale, infatti, stanno al centro di un accordo tra Provincia di Bergamo e Sanpellegrino, del gruppo Nestlè. Sul retro di ogni bottiglia sarà stampato un «Qr code», un codice a barre che permetterà di scaricare sul cellulare un filmato.

Ovunque arrivi la bottiglia «barrata», arriveranno così le nostre valli, i castelli della Bassa, i laghi, Città Alta. Immagini, un testo semplice (in inglese per l’estero), con un rimando finale al portale turistico della Provincia. Il progetto è appena nato. Galeotto l’incontro dedicato alla dicitura «Bergamo» sulle etichette. Sollecitato dall’assessore regionale Daniele Belotti, ha visto al tavolo anche Sanpellegrino spa e l’assessore al Turismo della Provincia, Giorgio Bonassoli. Proprio Via Tasso in precedenza aveva avviato contatti sulla questione multimediale.

«La Provincia aveva sviluppato il Qr code in un paio di occasioni l’anno scorso, sempre per il turismo – chiosa Bonassoli –. Ci siamo detti: quale mezzo migliore di queste bottiglie per arrivare nel mondo? Così all’incontro ho presentato una sorta di prova del Qr, una bottiglia su cui avevamo messo il codice di un’altra nostra iniziativa». Ed è stato un centro. Dalla Sanpellegrino hanno detto sì. Il filmato sarà ultimato entro febbraio. La prima bottiglia sul mercato Usa con il codice? Si punta all’estate 2011.

I ping ed i commenti non sono attivi.

Non è possibile lasciare commenti al momento.