Articoli Taggati ‘codice a barra’

Tesco, l’iPhone e l’App per iPhone che legge i codici a barre: il perfetto mobile commerce

Tesco Mobile

Sarà perchè Tesco Mobile, il suo MVNO (operatore di telefonia mobile virtuale) ha già raggiunto la ragguardevole cifra di 2.300.000 clienti con un aumento di 300.000 unità negli ultimi sei mesi. Sarà perchè l’innovazione di formato e di struttura d’offerta ce l’ha nel DNA. Fatto sta che Tesco ha fatto, secondo me, l’ennesima mossa giusta [...]

Starbucks, il caffè diventa 2.0 al via i pagamenti con iPhone

Starbucks

Da Starbucks arriva un aroma di futuro. Del resto la catena di caffetterie sa come attirare i clienti più tecnologici. Ai tempi dell’introduzione del wifi, i cafè della catena Usa furono tra i primi a permettere agli avventori di collegarsi online sorseggiando un “americano”. E ora è proprio Starbucks a iniziare la rivoluzione del “moneyless”, [...]

Crescita dell’uso del QR Code tramite Mobile

qr-code-wall-640

Codice a barra/QR Code: Top 10 degli user, per il periodo Q4/2010

Target lancia barcode scanning su iPhone e coupon mobile su codici 2D

target-qr-code

Implementate applicazioni legate ai telefoni cellulari riguardanti la scannerizzazione dei barcode tradizionali e dei codici bidimensionali, più noti come QR code. Sono sempre più numerosi i retailer a livello internazionale che scelgono di introdurre servizi “mobile” per i propri clienti.

EBay compra RedSense e legge i codici a barre

Ebay-Adds-QR-Codes1

eBay ha acquistato, per una somma non meglio precisata, l’azienda Occipital che fa capo al servizio RedLaser per la lettura dei codici a barre e la traduzione degli stessi per un immediato utilizzo online. Trattasi di una operazione che ben si inserisce nella strategia di eBay e che, soprattutto, va a concretizzare gli investimenti attesi [...]

NFR: la tecnologia serve per creare nuove esperienze di acquisto

f_gewinnerdsbpa09_onlinesoftwareag_gr

Come nel caso dello store Disney, la tecnologia è essenziale per creare un’esperienza magica. Può anche però servire a cambiare in maniera sostanziale il rapporto tra prodotti, consumatori e retail, come risulta dal progetto Lumin AR proposto da Intel sulla base di ricerche del Mit.